Documento Valutazione dei Rischi

Obbligatoria anche per le aziende a conduzione familiare.

Il Responsabile deve tenere a disposizione dell’autorità competente preposta al controllo tutte le informazioni concernenti:
l) la valutazione dei rischi
2) il programma delle misure preventive
3) le misure per il miglioramento della sicurezza.

OS 305 81/2008 CHECK * Valutazione dei rischi

Il servizio prevede:

  • Individuazione dei rischi connessi alla vostra specifica attività
  • Individuazione dei rischi legati alle caratteristiche strutturali
  • Individuazione delle mansioni di lavoro relative al reale svolgimento di tutti gli
    addetti
  • Stesura del documento di Valutazione dei Rischi e delle schede individuali
    di ogni mansione
  • Indicazioni per l’organizzazione del Servizio Prevenzione e Protezione

Da valutare a parte la necessità di eventuali indagini supplementari


Obblighi del datore di lavoro – Art. 15, 17, 18

Il datore di lavoro deve effettuare la valutazione dei rischi della propria attività e attuare le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.


Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavortatori sono:

  • Programmazione della prevenzione, mirata ad un complesso che integri in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive dell’azienda nonché l’influenza dei fattori dell’ambiente e dell’organizzazione del lavoro;
  • Eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico;
  • Rispetto dei principi ergonomici nell’organizzazione del lavoro. nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello npetitivo;
  • Riduzione dei rischi alla fonte;
  • Limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio;
  • Utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro;
  • Priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale;
  • Controllo sanitario dei lavoratori;
  • Informazione e formazione adeguate per i lavoratori
  • Istruzioni adeguate ai lavoratori
  • Programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche
    attraverso l’adozione di codici di condotta e di buone prassi;
  • Misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato;
  • Uso di segnali di avvertimento e di sicurezza;
  • Regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti.


Legge sulla sicurezza degli ambienti di lavoro

E’ punito con l’arresto da quattro a otto mesi o con l’ammenda da 4.000 a 12.000 euro il datore di lavoro:

  • a) che omette la valutazione dei rischi e l’adozione del documento
  • b) che non provvede alla nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione

Comments are closed.


ORPC

Certificazioni dell’azienda produttrice